avatar
Viviana Vicario
dall'italia
All'estero per: Lavoro
Chi sono

Ciao!!

 

Se avete letto attentamente i miei post, vi accorgerete senz'altro che sono già tornata dallo scorso dicembre. Bordeaux, e l'estero in sé mi hanno lasciato molte storie da raccontare; e sapete che vi dico? Io continuo! Contenti?! (rispondete un "SI" convinto, per favore, altrimenti che ci sto a scrivere a fare? ;D)

 

Non mi resta che augurarvi buona lettura!

 

 

In collaborazione con:

 

IG Torino

Dove sono
Dove sono

PARLANDO DI FRANCIA E SALUTE...

Bordeaux, Francia

20 ottobre 2014, 22:27

Vivere in Francia allunga la vita. E' una riflessione fresca fresca di qualche giorno fa, quando per un caso fortuito (e un pò sfigato), mi si è rotto un dente. Dopo qualche ora di panico della serie "Oddio e adesso cosa faccio", mi sono recata dalla dentista consigliatami dalla Madame presso la quale albergo. Alla mia domanda "E' una buona dentista?", ha sbarrato gli occhi e mi ha risposto "E' una dentista, la mia". Subito non ho capito il senso della sua risposta, o meglio, l'ho intesa nel suo senso logico, ma non in quello culturale. La spiegazione è arrivata dopo.

Mi reco a Mérignac, poco dopo il centro commerciale, ed entro in questo studio minuscolo, con una sala d'attesa dai muri bianchi e azzurri, in attesa di essere chiamata per la visita. Mi fa entrare. Io mi siedo e le spiego la situazione: "Mi si è rotto un dente. Sa, è un dente difficile, e devo ricostruirlo." Continuo dicendo che non ho molti soldi da spendere, e che piuttosto me lo chiuda provvisoriamente.

Tengo a precisare che si tratta di una dentista privata, con tariffe private, e che nonostante ciò una parte di quel che ho speso è rimborsabile dal CPAM (Caisse Primaire d'Assurance Maladie). Ma arriviamo al prezzo: 40 euro per una ricostruzione completa del dente, quella che ho fatto, contro i 150 italiani, e 130 euro per una capsula, che non ho fatto ma ci sto pensando seriamente, contro i 700 italiani. E non è finita. La CPAM funziona come Sicurezza Sociale, della serie che se tu ti ammali vai dal medico, privato e specialista del male che ti passa in quel momento, e dopo aver consegnato la Carte Vitale e pagato 23 euro, ti verranno rimborsati dopo cinque giorni sul conto bancario del 60%. E se non hai un lavoro? Nessun problema. Se sei disoccupato e sei povero, puoi far richiesta alla CPAM  che ti rimborsino del 100% le spese mediche. Ma non solo! Se sei di nazionalità francese e vai all'estero, e per qualsiasi caso fortuito (e sfigato) ti ammali e vai dal medico hai diritto al totale rimborso delle tue spese! 

Non vi sto raccontando favole, non mi sono drogata di oppio, e non ho ancora visitato il Paese delle Meraviglie. Anzi, a dire il vero per certi versi in questo momento ci vivo, specie se si parla di sanità. Ora mi spiego la risposta della padrona della casa dove vivo. "E' una dentista, la mia". Perchè è una dentista privata che ti rimborsa come tutti gli altri, con prezzi giusti e previsti dallo Stato, e in più fa anche bene il suo lavoro.

Esperienza:Lavoro

Coordinamento Informagiovani Piemonte
Regione PiemonteComune di torinoAnci
in collaborazione conUniversità degli Studi di TorinoPolitecnico di TorinoUniversità del Piemonte OrientaleEures PiemonteEurope Direct