avatar
Paolo Bertolino
Stoccarda, Germania
All'estero per: Lavoro
Chi sono
Qualche anno fa mi iscrivetti a questo blog, recitando:

"Mi chiamo Paolo Bertolino, sono di Torino e ho 26 anni. Sono un perito informatico e lavoro presso una grossa azienda di Torino e, attualmente, mi trovo in trasferta ad Atlanta (sempre presso la stessa azienda).
Mi ha sempre affascinato l'estero, l'"iniziare da capo", il conoscere lo stile di vita e la cultura di un paese diverso dal mio." (...)

Ora di anni ne ho 30, ma la voglia di estero e di ricominciare non è scomparsa. Questa volta non vado così lontano, ma mi fermo in Germania, a Stoccarda. Ora però non si tratta di una trasferta, ma di un vero e proprio cambio di lavoro; ho firmato qualche settimana fa un precontratto che mi porterà dai tedeschi a tempo indeterminato. Tornerò quindi a scrivere su questo blog da "vecchietto", sperando di riprendere in mano un hobby che mi è sempre piaciuto molto, ma che ho trascurato ultimamente.

in collaborazione con:
IG Collegno
Dove sono
Dove sono

Lunedi'.

Atlanta, Stati Uniti

26 luglio 2010, 18:30
E' lunedi', e' quasi ora di pranzo. Solitamente non scrivo dall'ufficio, ma chi lo sa se avro' ancora l'occasione di andare da Starbucks?  Sicuramente si, ma non da solo, con gli amici piu' stretti, per gli ultimi saluti. Un arrivederci, non un addio, perche' gli amici veri che ho trovato qui sono, guarda a caso, Europei. Il che e' fantastico, perche' significa che avro' l'occasione di rivederli e di visitare anche paesi e citta' che non ho mai visto. Solo ora capisco l'importanza del viaggiare; l'Europa e' bellissima e mi sto davvero pentendo di non averla mai visitata come merita. 

Ormai a casa mi e' rimasto il letto, qualche vestito e le stoviglie. Ci sono ancora da chiudere i contratti (telefono, gas etc), da comprare le ultime cose e poi direi quasi di essere pronto. Tristezza si', ma alleviata dal pensiero del rivedere quelle fantastiche persone in Europa, il prossimo anno. Tristezza no, perche' lo stile di vita americano non e' proprio il mio preferito e i posti sembrano tutti uguali, a meno di prendere un aereo e farsi almeno un paio d'ore. A Torino basta prendere l'auto e fare un giro nella collina e per le vie del centro, per dimenticarsi totalmente di Atlanta. 



Una foto di Torino, adesso, ci sta proprio bene!

Coordinamento Informagiovani Piemonte
Regione PiemonteComune di torinoAnci
in collaborazione conUniversità degli Studi di TorinoPolitecnico di TorinoUniversità del Piemonte OrientaleEures PiemonteEurope Direct